La “trilogia popolare”