Il legislatore del 2003 ha colto l'occasione di apportare alcune correzioni di piccolo rilievo alla disciplina del diritto di opzione, in particolare per quanto attiene ai termini di esercizio e all'ipotesi di esclusione riservata ai dipendenti. La novità più significativa concerne, tuttavia, la nuova ipotesi di esclusione del diritto di opzione riservata alle società quotate che, sulla scorta del modello tedesco dal quale è tratta, può essere definita "esclusione semplificata". L'autore conduce un'attenta disamina anche comparatistica, allo scopo di enucleare i punti deboli di una disciplina che, forse troppo frettolosamente, è stata importata in Italia senza considerare le peculiari esigenze (qui assenti) che ne avevano ispirato l'elaborazione nell'ordinamento tedesco. Nel quadro della riforma, il legislatore si è invece del tutto dimenticato di considerare l'impatto della possibilità di optare per modelli di amministrazione e controllo alternativi sul procedimento di esclusione dell'opzione. L'autore tenta dunque di razionalizzare la disciplina vigente proponendo alcune interpretazioni correttive finalizzate a rendere coerenti fra i diversi modelli i passaggi procedurali della decisione di esclusione.

Art. 2441, commento

S. A. Cerrato
2004

Abstract

Il legislatore del 2003 ha colto l'occasione di apportare alcune correzioni di piccolo rilievo alla disciplina del diritto di opzione, in particolare per quanto attiene ai termini di esercizio e all'ipotesi di esclusione riservata ai dipendenti. La novità più significativa concerne, tuttavia, la nuova ipotesi di esclusione del diritto di opzione riservata alle società quotate che, sulla scorta del modello tedesco dal quale è tratta, può essere definita "esclusione semplificata". L'autore conduce un'attenta disamina anche comparatistica, allo scopo di enucleare i punti deboli di una disciplina che, forse troppo frettolosamente, è stata importata in Italia senza considerare le peculiari esigenze (qui assenti) che ne avevano ispirato l'elaborazione nell'ordinamento tedesco. Nel quadro della riforma, il legislatore si è invece del tutto dimenticato di considerare l'impatto della possibilità di optare per modelli di amministrazione e controllo alternativi sul procedimento di esclusione dell'opzione. L'autore tenta dunque di razionalizzare la disciplina vigente proponendo alcune interpretazioni correttive finalizzate a rendere coerenti fra i diversi modelli i passaggi procedurali della decisione di esclusione.
Il nuovo diritto societario – d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6; d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 5; d.lgs. 11 aprile 2002, n. 61
Zanichelli
2
1500
1539
9788808107558
http://www.zanichelli.it/
diritto; diritto commerciale; società per azioni; opzione; diritto di opzione; azionisti; titolari di obbligazioni convertibili; esclusione; sottoscrizione; esclusione semplificata; interesse sociale; dipendenti; aumento riservato; modello tedesco
S.A. Cerrato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
036 CERRATO sub art 2441 AAVV Comm Cottino Bologna 2004 1500 ss.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 174.1 kB
Formato Adobe PDF
174.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/113180
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact