Il principe e il retore: classicismo come consenso in età imperiale