La disciplina sul trasferimento del personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) degli enti locali nel personale ATA dello Stato, come prevista dall’art. 8 l. n. 124 del 1999 recante disposizioni urgenti in materia di personale scolastico, successivamente interpretata dalla l. n. 266 del 2005, è stata valutata sia a livello interno dalla Corte costituzionale sia in sede europea dalla Corte di Strasburgo e successivamente dalla Corte di Lussemburgo con la sentenza Scattolon del 6 settembre 2011. Muovendo dall'analisi di quest'ultima, l'articolo intende offrire una riflessione sui delicati rapporti che sono venuti a stabilirsi tra istanze giurisdizionali riferibili ad ordinamenti distinti e sulle conseguenze che il giudice ordinario è chiamato a trarre dalle diverse pronunce provenienti dalle tre “istanze supreme”.

LA SENTENZA SCATTOLON SULLA DISCIPLINA SUL TRASFERIMENTO DEL PERSONALE ATA: UN CASO EMBLEMATICO DELLA DIFFICOLTÀ DI “DIALOGO A TRE” / O. Porchia. - In: GIURISPRUDENZA DI MERITO. - ISSN 0436-0230. - 1(2012), pp. 127-136.

LA SENTENZA SCATTOLON SULLA DISCIPLINA SUL TRASFERIMENTO DEL PERSONALE ATA: UN CASO EMBLEMATICO DELLA DIFFICOLTÀ DI “DIALOGO A TRE”

PORCHIA, Ornella
2012

Abstract

La disciplina sul trasferimento del personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) degli enti locali nel personale ATA dello Stato, come prevista dall’art. 8 l. n. 124 del 1999 recante disposizioni urgenti in materia di personale scolastico, successivamente interpretata dalla l. n. 266 del 2005, è stata valutata sia a livello interno dalla Corte costituzionale sia in sede europea dalla Corte di Strasburgo e successivamente dalla Corte di Lussemburgo con la sentenza Scattolon del 6 settembre 2011. Muovendo dall'analisi di quest'ultima, l'articolo intende offrire una riflessione sui delicati rapporti che sono venuti a stabilirsi tra istanze giurisdizionali riferibili ad ordinamenti distinti e sulle conseguenze che il giudice ordinario è chiamato a trarre dalle diverse pronunce provenienti dalle tre “istanze supreme”.
1
127
136
Diritto unione europea; Corte di giustizia; Corte costituzionale; Corte europea dei diritti dell'uomo; dialogo
O. Porchia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/113737
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact