Cefalometria ed elettromiografia: comparazione dei risultati