Nel genere Camellia L., la germinazione dei semi è un processo lento e il periodo giovanile può avere una durata dai 4 agli 8 anni in base alle condizioni in cui vengono coltivati i semenzali. Inoltre scarse sono le conoscenze se non per le specie di maggiore interesse commerciale come C. sinensis e C. japonica. Per questi motivi, i progetti di miglioramento genetico per l’ottenimento di nuove cultivar con valori ornamentali risultano essere molto impegnativi e costosi. Nel presente lavoro è stata studiata dapprima la capacità germinativa di semi prelevati da 16 varietà di camelie invernali, soggette ad impollinazione libera. Successivamente, i semenzali ottenuti sono stati coltivati e sottoposti ad osservazioni morfologiche. Le specie prese in esame sono state C. sasanqua, C. x vernalis e C. x hiemalis che presentano caratteristiche di particolare interesse data la fioritura nel periodo autunno-invernale. I frutti sono stati quindi prelevati dalle piante in tarda estate. I semi sono stati estratti, mantenuti a 4-6°C in condizioni di buio per 1 mese ed infine imbibiti per 3 giorni in una soluzione contenente 1000 ppm di acido gibberellico (GA3). Inseguito, i semi sono stati posti a germinare in ambiente controllato (23°C e 16 ore di luce a 400 PAR), in diversi substrati: 100% torba (P), 50% torba + 50% fibra di cocco (PC), 50% torba + 50% compost verde (PG), 50% torba + 25% fibra di cocco + 25% compost verde (PFG), 100% fibra di cocco (FC) e 100% di compost verde (GC). Complessivamente, il 75% del totale dei semi è germinato. I valori di germinazione più alti (100%) sono stati ottenuti per i semi prelevati dalle cv Winter’s dream, Tatsutagawa, Daydream e Hinode no umi. Nessuna germinazione è stata invece osservata in semi prelevati dalle cv Hi-no-hakama, Pink Lassie e Shishigashira. I semi che hanno germinato più velocemente sono stati quelli prelevati dalle cv Winter’s dream (T50 = 8 gg) e Tatsutagawa (T50 = 12 gg). Tra i diversi substrati la più alta percentuale di germinazione è stata osservata in P (55%) mentre la più bassa in GC (0%). Attualmente è in corso la coltivazione dei semenzali ottenuti (Tmin 18°C). Dopo soli 2 anni dalla germinazione, la progenie della cv Tatsutagawa ha prodotto i primi fiori.

OSSERVAZIONI PRELIMINARI SU SEMENZALI DI CAMELIE INVERNALI OTTENUTI DA IMPOLLINAZIONI NATURALI

CASER, Matteo;BERRUTI, ANDREA;SCARIOT, VALENTINA
In corso di stampa

Abstract

Nel genere Camellia L., la germinazione dei semi è un processo lento e il periodo giovanile può avere una durata dai 4 agli 8 anni in base alle condizioni in cui vengono coltivati i semenzali. Inoltre scarse sono le conoscenze se non per le specie di maggiore interesse commerciale come C. sinensis e C. japonica. Per questi motivi, i progetti di miglioramento genetico per l’ottenimento di nuove cultivar con valori ornamentali risultano essere molto impegnativi e costosi. Nel presente lavoro è stata studiata dapprima la capacità germinativa di semi prelevati da 16 varietà di camelie invernali, soggette ad impollinazione libera. Successivamente, i semenzali ottenuti sono stati coltivati e sottoposti ad osservazioni morfologiche. Le specie prese in esame sono state C. sasanqua, C. x vernalis e C. x hiemalis che presentano caratteristiche di particolare interesse data la fioritura nel periodo autunno-invernale. I frutti sono stati quindi prelevati dalle piante in tarda estate. I semi sono stati estratti, mantenuti a 4-6°C in condizioni di buio per 1 mese ed infine imbibiti per 3 giorni in una soluzione contenente 1000 ppm di acido gibberellico (GA3). Inseguito, i semi sono stati posti a germinare in ambiente controllato (23°C e 16 ore di luce a 400 PAR), in diversi substrati: 100% torba (P), 50% torba + 50% fibra di cocco (PC), 50% torba + 50% compost verde (PG), 50% torba + 25% fibra di cocco + 25% compost verde (PFG), 100% fibra di cocco (FC) e 100% di compost verde (GC). Complessivamente, il 75% del totale dei semi è germinato. I valori di germinazione più alti (100%) sono stati ottenuti per i semi prelevati dalle cv Winter’s dream, Tatsutagawa, Daydream e Hinode no umi. Nessuna germinazione è stata invece osservata in semi prelevati dalle cv Hi-no-hakama, Pink Lassie e Shishigashira. I semi che hanno germinato più velocemente sono stati quelli prelevati dalle cv Winter’s dream (T50 = 8 gg) e Tatsutagawa (T50 = 12 gg). Tra i diversi substrati la più alta percentuale di germinazione è stata osservata in P (55%) mentre la più bassa in GC (0%). Attualmente è in corso la coltivazione dei semenzali ottenuti (Tmin 18°C). Dopo soli 2 anni dalla germinazione, la progenie della cv Tatsutagawa ha prodotto i primi fiori.
IX Convegno Nazionale sulla Biodiversità
Valenzano (BA)
6-7 Settembre 2012
-
-
-
0
0
M. Caser; A. Berruti; V. Scariot
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/131237
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact