L’allevamento dei conigli è un’attività economica di dimensioni medie che, nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea, non dispone di organizzazioni rappresentative di rilievo a livello nazionale o internazionale. L’Italia è il primo produttore europeo e il secondo nel mondo dopo la Cina. Oltre il 76% della produzione totale nell’UE viene realizzata in Italia, Spagna e Francia, e l’allevamento di tipo familiare è ancora molto diffuso. Nel nostro Paese il settore coinvolge circa 10.000 addetti, per un giro d’affari che supera i 600 milioni di euro annui. Il Piemonte è la terza regione italiana, dopo Veneto ed Emilia Romagna, per importanza nella produzione cunicola (11,2% della produzione nazionale), con circa 350 allevamenti che ospitano oltre 5 milioni di capi annui. Sin dagli albori la cunicoltura ha trovato nel Piemonte una delle zone più idonee e recettive per svilupparsi. Oggi cunicoltura piemontese significa anche agroindustria, ossia un percorso di filiera che tra operatori diretti e indotto conta un centinaio di addetti, superando i 45 milioni di euro di fatturato annuo.

Il benessere dei conigli da allevamento e l’efficienza aziendale

MACCHI, Elisabetta;PROLA, LIVIANA;CORNALE, Paolo;RENNA, Manuela;PERONA, Giovanni;MIMOSI, Antonio
2011

Abstract

L’allevamento dei conigli è un’attività economica di dimensioni medie che, nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea, non dispone di organizzazioni rappresentative di rilievo a livello nazionale o internazionale. L’Italia è il primo produttore europeo e il secondo nel mondo dopo la Cina. Oltre il 76% della produzione totale nell’UE viene realizzata in Italia, Spagna e Francia, e l’allevamento di tipo familiare è ancora molto diffuso. Nel nostro Paese il settore coinvolge circa 10.000 addetti, per un giro d’affari che supera i 600 milioni di euro annui. Il Piemonte è la terza regione italiana, dopo Veneto ed Emilia Romagna, per importanza nella produzione cunicola (11,2% della produzione nazionale), con circa 350 allevamenti che ospitano oltre 5 milioni di capi annui. Sin dagli albori la cunicoltura ha trovato nel Piemonte una delle zone più idonee e recettive per svilupparsi. Oggi cunicoltura piemontese significa anche agroindustria, ossia un percorso di filiera che tra operatori diretti e indotto conta un centinaio di addetti, superando i 45 milioni di euro di fatturato annuo.
73
34
37
http://www.regione.piemonte.it/agri
E. Macchi; L. Prola; V. Lazzarato; P. Cornale; M. Renna; G. Perona; A. Mimosi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Macchi et al 2011 Conigli.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 620.43 kB
Formato Adobe PDF
620.43 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/132219
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact