Acerbi e la letteratura europea: dai taccuini di viaggio alla «Biblioteca»