La continuità assistenziale: miraggio o possibilità?