Progetto di opere idrauliche nell'ambito di Convenzione tra Agenzia Interregionale per il Po (AIPO) e Comune di BOVES (CN) per la sistemazione idraulica di un tratto del torrente Gesso. L'intervento riveste un particolare interesse per l'applicazione di una tecnica di realizzazione delle protezioni longitudinali in scogliera ciclopica innovativa nel modo di realizzazione delle fondazioni. La tradizionale tecnica di fondazione, secondo gli schemi usualmente proposti, entra in crisi negli ambiti torrentizi in ragione del movimento del materiale di fondo in prossimità delle fondazioni stesse. Questo comporta lo scoprimento delle fondazioni e talvolta il crollo o l'instabilità dell'opera. La proposta progettuale, approvata ed in corso di realizzazione, mira a rendere graduale il transito tra il materiale mobile di fondo alveo ed il materiale rigido di fondazione, mediante il posizionamento di “rostri” di fondazione. Le precedenti esperienze in alvei montani di minore dimensione e portata hanno dato buoni risultati. La relazione illustrativa ed idrologica descrivono quindi le opere come sono state poi realizzate.

Sistemazione sponda destra del Torrente Gesso in Comune di Boves (CN) (E-SPEC.-806) - relazione idrologica idraulica e progetto delle opere -

FERRARI, Stefano
2009

Abstract

Progetto di opere idrauliche nell'ambito di Convenzione tra Agenzia Interregionale per il Po (AIPO) e Comune di BOVES (CN) per la sistemazione idraulica di un tratto del torrente Gesso. L'intervento riveste un particolare interesse per l'applicazione di una tecnica di realizzazione delle protezioni longitudinali in scogliera ciclopica innovativa nel modo di realizzazione delle fondazioni. La tradizionale tecnica di fondazione, secondo gli schemi usualmente proposti, entra in crisi negli ambiti torrentizi in ragione del movimento del materiale di fondo in prossimità delle fondazioni stesse. Questo comporta lo scoprimento delle fondazioni e talvolta il crollo o l'instabilità dell'opera. La proposta progettuale, approvata ed in corso di realizzazione, mira a rendere graduale il transito tra il materiale mobile di fondo alveo ed il materiale rigido di fondazione, mediante il posizionamento di “rostri” di fondazione. Le precedenti esperienze in alvei montani di minore dimensione e portata hanno dato buoni risultati. La relazione illustrativa ed idrologica descrivono quindi le opere come sono state poi realizzate.
torrente; trasporto solido; piena; erosione spondale.
S. Ferrari
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ESPEC 806_04_foto.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 85.4 kB
Formato Adobe PDF
85.4 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
ESPEC 806_ABSTRACT.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: MATERIALE NON BIBLIOGRAFICO
Dimensione 48.14 kB
Formato Adobe PDF
48.14 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
ESPEC 806_02_idrSF.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 2.51 MB
Formato Adobe PDF
2.51 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
ESPEC806_03_env.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 711.58 kB
Formato Adobe PDF
711.58 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/137877
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact