Le specie vegetali rispondono alla siccità con due comportamenti strategicamente antitetici, in funzione dell’ambiente in cui si sono evolute. Le piante di ambienti temperati hanno risposta anisoidrica, cosi’ come le cultivar di vite della Francia continentale e quelle dell’Italia settentrionale. Non limitano la traspirazione, ma utilizzano strategie di regolazione osmotica radicale per utilizzare l’acqua nel suolo a potenziali sempre piu’ bassi, in attesa di una pioggia o di una irrigazione. Rischiano l’embolismo xilematico se l’evento di reidratazione ritarda (annate particolarmente siccitose). Al contrario, le piante di zone caldo-aride (per es. del bacino del Mediterraneo, come l’olivo e le cultivar di vite come il ‘Grenache’) hanno un comportamento meno dissipativo e in situazioni di deficit idrico regolano la traspirazione con la chiusura stomatica, risparmiando acqua e limitando i processi di crescita. Le prime sono ecologicamente ottimiste (anisoidriche); queste ultime sono, al contrario, pessimiste (isoidriche).

Tessitura del suolo e qualità dell’uva.

FERRANDINO, Alessandra;VITALI, MARCO;CARLOMAGNO, ANTONIO;TRAMONTINI, SARA VALENTINA;kedrina, Olga;LOVISOLO, Claudio
2015

Abstract

Le specie vegetali rispondono alla siccità con due comportamenti strategicamente antitetici, in funzione dell’ambiente in cui si sono evolute. Le piante di ambienti temperati hanno risposta anisoidrica, cosi’ come le cultivar di vite della Francia continentale e quelle dell’Italia settentrionale. Non limitano la traspirazione, ma utilizzano strategie di regolazione osmotica radicale per utilizzare l’acqua nel suolo a potenziali sempre piu’ bassi, in attesa di una pioggia o di una irrigazione. Rischiano l’embolismo xilematico se l’evento di reidratazione ritarda (annate particolarmente siccitose). Al contrario, le piante di zone caldo-aride (per es. del bacino del Mediterraneo, come l’olivo e le cultivar di vite come il ‘Grenache’) hanno un comportamento meno dissipativo e in situazioni di deficit idrico regolano la traspirazione con la chiusura stomatica, risparmiando acqua e limitando i processi di crescita. Le prime sono ecologicamente ottimiste (anisoidriche); queste ultime sono, al contrario, pessimiste (isoidriche).
MILLEVIGNE
01
22
25
Ferrandino, Alessandra; Vitali, Marco; Carlomagno, Antonio; Tramontini, Sara; Ivaldi, Giorgio; Kedrina, Olga; Romana, Gianpiero; Lovisolo, Claudio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ferrandino millevigne 2015.pdf

accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 1.99 MB
Formato Adobe PDF
1.99 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1529032
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact