Il "Dies irae" di Britten