Nel "saltellante flusso" della città: i globalisti a Torino