Romanzi cinguettati e contraintes virtuali. Come Twitter gioca e fa giocare con l’arte del narrare