La microtopografia è uno dei fattori in grado di influenzare maggiormente, su scala locale, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo e la distribuzione spaziale della vegetazione, in particolare nelle aree montane. Il lavoro è stato svolto presso il sito LTER di Tellinod, nel comune di Torgnon (AO) dove una prateria subalpina a Nardus stricta, posta a 2100 m slm, presenta una morfologia complessa con suoli a cuscinetti erbosi (earth hummocks), caratterizzati dall’alternanza di zone concave (interhummocks - down) e zone convesse (hummocks - up). La genesi di tali forme è ancora controversa e sembra legata all’azione dei cicli di gelo/disgelo e/o all’azione di calpestamento operato dagli animali al pascolo. La microtopografia dell’area genera una distribuzione localizzata della vegetazione, con presenza esclusiva di Nardus stricta sulle zone convesse (97-98% della copertura) e prevalenza di dicotiledoni quali Crocus vernus, Geum montanum, Trifolium alpinum, Arnica montana, Ranunculus pyrenaeus nelle zone concave (50-75 % della copertura). Tale distribuzione suggerisce la presenza di sensibili differenze nelle caratteristiche chimico-fisiche dei suoli tra le zone di up e down, legate a variazioni nel ciclo dei principali macroelementi. Al fine di appurare tali ipotesi, nel Novembre 2013 sono stati prelevati 60 campioni di topsoil in corrispondenza di hummocks (30) e interhummocks (30). I campioni di suolo sono stati analizzati per la determinazione delle principali caratteristiche chimiche e fisiche (scheletro, umidità gravimetrica, tessitura, DOC estraibile, TDN estraibile, N-DIN estraibile, Corg, Ntot, C/N, CSC e cationi scambiabili, Ptot e Polsen). Le analisi di laboratorio e l’elaborazione statistica (ANOVA univariata) hanno confermato la presenza di differenze significative tra suoli delle zone di up e down. Dal punto di vista granulometrico, gli hummocks sono caratterizzati da un maggior contenuto di argilla e limo, mentre nelle zone di interhummocks prevale la frazione sabbiosa. Per quanto riguarda le proprietà chimiche, gli hummocks sono caratterizzati da un pH più acido, da un maggior contenuto di Corg, DOC estraibile, DON estraibile e da un rapporto C/N più elevato rispetto alle zone di interhummocks, nelle quali è stato invece rilevato un maggior contenuto di NO3-. Tali differenze sono da imputare alla morfologia complessa dei suoli a cuscinetti erbosi, in grado di instaurare specifiche condizioni microclimatiche, con variazioni nel regime idrico e termico dei suoli all’interno di una scala spaziale ridotta. Tali variazioni possono alterare i cicli biochimici, agendo sui tassi di mineralizzazione della sostanza organica, che, associati alle diverse caratteristiche di decomponibilità della lettiera, possono causare variazioni nel livello trofico dei suoli ed una distribuzione localizzata della vegetazione.

Influenza della microtopografia e della variabilità stagionale sul ciclo di carbonio e azoto in suoli del piano subalpino

PINTALDI, EMANUELE;SINISCALCO, Maria Consolata;FREPPAZ, Michele
2015

Abstract

La microtopografia è uno dei fattori in grado di influenzare maggiormente, su scala locale, le caratteristiche chimico-fisiche del suolo e la distribuzione spaziale della vegetazione, in particolare nelle aree montane. Il lavoro è stato svolto presso il sito LTER di Tellinod, nel comune di Torgnon (AO) dove una prateria subalpina a Nardus stricta, posta a 2100 m slm, presenta una morfologia complessa con suoli a cuscinetti erbosi (earth hummocks), caratterizzati dall’alternanza di zone concave (interhummocks - down) e zone convesse (hummocks - up). La genesi di tali forme è ancora controversa e sembra legata all’azione dei cicli di gelo/disgelo e/o all’azione di calpestamento operato dagli animali al pascolo. La microtopografia dell’area genera una distribuzione localizzata della vegetazione, con presenza esclusiva di Nardus stricta sulle zone convesse (97-98% della copertura) e prevalenza di dicotiledoni quali Crocus vernus, Geum montanum, Trifolium alpinum, Arnica montana, Ranunculus pyrenaeus nelle zone concave (50-75 % della copertura). Tale distribuzione suggerisce la presenza di sensibili differenze nelle caratteristiche chimico-fisiche dei suoli tra le zone di up e down, legate a variazioni nel ciclo dei principali macroelementi. Al fine di appurare tali ipotesi, nel Novembre 2013 sono stati prelevati 60 campioni di topsoil in corrispondenza di hummocks (30) e interhummocks (30). I campioni di suolo sono stati analizzati per la determinazione delle principali caratteristiche chimiche e fisiche (scheletro, umidità gravimetrica, tessitura, DOC estraibile, TDN estraibile, N-DIN estraibile, Corg, Ntot, C/N, CSC e cationi scambiabili, Ptot e Polsen). Le analisi di laboratorio e l’elaborazione statistica (ANOVA univariata) hanno confermato la presenza di differenze significative tra suoli delle zone di up e down. Dal punto di vista granulometrico, gli hummocks sono caratterizzati da un maggior contenuto di argilla e limo, mentre nelle zone di interhummocks prevale la frazione sabbiosa. Per quanto riguarda le proprietà chimiche, gli hummocks sono caratterizzati da un pH più acido, da un maggior contenuto di Corg, DOC estraibile, DON estraibile e da un rapporto C/N più elevato rispetto alle zone di interhummocks, nelle quali è stato invece rilevato un maggior contenuto di NO3-. Tali differenze sono da imputare alla morfologia complessa dei suoli a cuscinetti erbosi, in grado di instaurare specifiche condizioni microclimatiche, con variazioni nel regime idrico e termico dei suoli all’interno di una scala spaziale ridotta. Tali variazioni possono alterare i cicli biochimici, agendo sui tassi di mineralizzazione della sostanza organica, che, associati alle diverse caratteristiche di decomponibilità della lettiera, possono causare variazioni nel livello trofico dei suoli ed una distribuzione localizzata della vegetazione.
40° Congresso Nazionale della Scienza del Suolo: Suoli di Qualità per una vita di qualità
Roma
1-3 Dicembre 2015
Suoli di qualità per una vita di qualità
SISS – Società Italiana della Scienza del Suolo
42
53
978-88-940679-3-4
earth hummock, prateria, cicli biochimici, mineralizzazione, sostanza organica
Pintaldi, Emanuele; Filippa, Gianluca; Siniscalco, Consolata; Freppaz, Michele
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Extended Abstract Pintaldi.pdf

Accesso aperto

Descrizione: Extended abstract
Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 858.98 kB
Formato Adobe PDF
858.98 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1571916
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact