Il contributo, interpretando il complesso "proemio interno" che nel Sesto Giorno del "Mondo creato"stacca da quanto precede e introduce il tema culminante della creazione dell'uomo, mette in luce per la prima volta tutta la profondità della speculazione tassiana intorno al precetto dell'oracolo delfico. Attraverso Platone, Plotino, Porfirio, Macrobio, le cui verità non confliggono con la rivelazione cristiana ma la illuminano, la "sententia Apollinis" acquista - in piena età controriformistica - il valore di un perenne appello spirituale.

"Uom conosci te stesso". Lettura di "Mondo creato" VI 1558-1639

LUPARIA, Paolo
2016

Abstract

Il contributo, interpretando il complesso "proemio interno" che nel Sesto Giorno del "Mondo creato"stacca da quanto precede e introduce il tema culminante della creazione dell'uomo, mette in luce per la prima volta tutta la profondità della speculazione tassiana intorno al precetto dell'oracolo delfico. Attraverso Platone, Plotino, Porfirio, Macrobio, le cui verità non confliggono con la rivelazione cristiana ma la illuminano, la "sententia Apollinis" acquista - in piena età controriformistica - il valore di un perenne appello spirituale.
"Senza te son nulla". Studi sulla poesia sacra di Torquato Tasso
Edizioni di Storia e Letteratura / Centro culturale "Alle Grazie"- Frati Domenicani
Temi e testi. Serie "Teologia e Letteratura"
151
163
195
978-88-6372-924-5
Tasso, Mondo creato, precetto dell'oracolo delfico, filosofia neoplatonica, speculazione teologica
Luparia, Paolo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
pdf Uom, conosci te stesso.pdf

non disponibili

Dimensione 270.17 kB
Formato Adobe PDF
270.17 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1639409
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact