Nella riforma fallimentare a rischio le reti