L’opposizione a decreto non «passa» agli arbitri