La ricezione dell'elegia properziana nell'opera di Stazio