La fictio sul palcoscenico della storia