Nel concordato in continuità il giudice valuta anche la «serietà» del piano