Dalla ricezione del metodo dodecafonico al pensiero seriale: le “Variazioni canoniche" di Luigi Nono