Memoria e fiction nella città turistica