Le società di comodo: un caso