Il Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” espone una straordinaria collezione di oltre 100 ceramiche (orci per l’acqua, caraffe, piatti …) incise dai detenuti delle carceri “Le Nuove” e “La Generala” di Torino tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Attraverso le tecniche del 3D imaging è stata realizzata una doppia postazione interattiva che permette di soddisfare la visione a 360 gradi di ciascuna ceramica. Con questa installazione il visitatore può approfondire l’esplorazione selezionando l’oggetto desiderato, muovendolo per visionarlo nella sua interezza attraverso un touch-screen.

Digitalizzazione 3d del patrimonio scientifico museale: l’esempio delle ceramiche carcerarie del Museo Lombroso dell’Università di Torino

Cristina Cilli;Giancarla Malerba;Giacomo Giacobini;GIAGHEDDU, Paolo;Silvano Montaldo
2019

Abstract

Il Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” espone una straordinaria collezione di oltre 100 ceramiche (orci per l’acqua, caraffe, piatti …) incise dai detenuti delle carceri “Le Nuove” e “La Generala” di Torino tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Attraverso le tecniche del 3D imaging è stata realizzata una doppia postazione interattiva che permette di soddisfare la visione a 360 gradi di ciascuna ceramica. Con questa installazione il visitatore può approfondire l’esplorazione selezionando l’oggetto desiderato, muovendolo per visionarlo nella sua interezza attraverso un touch-screen.
I musei scientifici nell’anno europeo del patrimonio
Vicenza
24-25-26 ottobre 2018
36
41
3D imaging, piattaforma digitale, ceramiche carcerarie, museo Lombroso.
Cristina Cilli, Giancarla Malerba, Giacomo Giacobini, Riccardo Gagliarducci, Paolo Giagheddu, Silvano Montaldo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
musci_mem_20_3D.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 680.12 kB
Formato Adobe PDF
680.12 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1723853
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact