Pensare in movimento in matematica: uno studio di caso