Un “certificato COVID” per circolare liberamente nell’Unione europea