«Venga la ferrovia e in picciol numero d’anni si farà il lavoro di secoli»: De Sanctis, la tecnologia e il progresso sociale