Boschi fantastici, mondi mostruosi e cittadine per bene. Le geografie immaginarie dei nuovi libri per l’infanzia.