"Quivi intagliato in un atto soave": la soavità terapeutica del “visibile parlare” in Purgatorio X