I percorsi delle reliquie, tra “thece dignissime”, Libri miraculorum e “imagines depicte”