Tra Remarque e Topolino. “Full Metal Jacket” e la tradizione della letteratura di guerra