Le ambigue virtù della forma logica