Onda di eccitazione o disturbo propagato? Un dibattito neurofisiologico tra Otto e Novecento