"E' possibile una semiotica dell'esperienza?"