La scrittura dall'ipogeo: il "Notturno" di Gabriele d'Annunzio