Nota a Martin Buber, Gustav Landauer e la rivoluzione