La doppia generazione delle componenti figurative