Amelia Rosselli e la funzione delle "auctoritates" nella "Libellula"