“Damnatio memoriae” o selezione storiografica? I grandi assenti nel “Chronicon” di Romualdo Salernitano (Periodo normanno)