Sul corretto posizionamento di elettrodi nell’EMG di superficie