Michele Pellegrino e la traduzione