Albano Martins: poesia come arte frattale