«Un boccone fantastico della notte»: il nettunismo onirico di Edmundo de Bettencourt