Differenze di genere nel disturbo ossessivo-compulsivo: un possibile sottotipo?