All’interno del repertorio dei nomi italiani attestati nella banca-dati del Ministero delle Finanze (1900-1994), lo studio prende in considerazione la diffusione dei nomi marcati da suffissi di alterazione con valore diminutivo per valutarne l’incidenza e la fortuna nel corso del secolo. Procedendo dall’identificazione dei diversi suffissi attestati e della loro distribuzione regionale, si analizza il rapporto tra alterati e forme base, evidenziando le eventuali relazioni con le caratteristiche di genere. Il valore polisemico del suffisso –ino porta in luce il complesso rapporto tra derivazione e alterazione, che affonda le sue radici nelle formazioni cognominali della latinità (Rohlfs 1969; Schwartze 2001). Vengono discussi i problemi di classificazione relativi al valore delle forme suffissate, evidenti in particolare nei casi in cui la tradizione abbia contribuito all’affermazione dell’alterato come nome autonomo, fino ad oscurare i rapporti con il nome d’origine. In parallelo si segnala la presenza di “falsi alterati”, caratterizzati da un apparente suffisso, da cui per retroformazione si sono generate neoconiazioni desuffissate intese a colmare l’apparente vuoto nel sistema.

Alterati e falsi alterati nell'onomastica italiana del Novecento: produttività e funzioni del suffisso –ino

PAPA, ELENA
2008

Abstract

All’interno del repertorio dei nomi italiani attestati nella banca-dati del Ministero delle Finanze (1900-1994), lo studio prende in considerazione la diffusione dei nomi marcati da suffissi di alterazione con valore diminutivo per valutarne l’incidenza e la fortuna nel corso del secolo. Procedendo dall’identificazione dei diversi suffissi attestati e della loro distribuzione regionale, si analizza il rapporto tra alterati e forme base, evidenziando le eventuali relazioni con le caratteristiche di genere. Il valore polisemico del suffisso –ino porta in luce il complesso rapporto tra derivazione e alterazione, che affonda le sue radici nelle formazioni cognominali della latinità (Rohlfs 1969; Schwartze 2001). Vengono discussi i problemi di classificazione relativi al valore delle forme suffissate, evidenti in particolare nei casi in cui la tradizione abbia contribuito all’affermazione dell’alterato come nome autonomo, fino ad oscurare i rapporti con il nome d’origine. In parallelo si segnala la presenza di “falsi alterati”, caratterizzati da un apparente suffisso, da cui per retroformazione si sono generate neoconiazioni desuffissate intese a colmare l’apparente vuoto nel sistema.
I Nomi nel tempo nel tempo e nello spazio. Atti del XXII Congresso Internazionale di Scienze Onomastiche, Pisa 28 agosto-4 settembre 2005
ETS
Nominatio
II
319
334
9788846720153
morfologia italiana; derivazione; alterazione; suffissi; antroponimia
PAPA E.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/99183
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact