La pseudomacchia mediterranea è una formazione termoxerofila, la cui composizione specifica, pur con un generale impoverimento degli elementi stenomediterranei, ricorda la macchia mediterranea. Probabile relitto di un paleo clima precedente le glaciazioni e isolata da zone tipicamente mediterranee, deve la sua attuale presenza a particolare condizioni microclimatiche favorevoli. All’interno del Parco Regionale dei Colli Euganei, la pseudomacchia occupa una superficie di circa 113 ha, corrispondente al 2,14% della superficie boscata. Per la sua particolarità di formazione extrazonale, assume un particolare significato naturalistico e biogeografico. Obiettivo principale del lavoro è individuare eventuali relazioni tra la struttura a livello di popolamento e quella a livello di paesaggio allo scopo di definire opportune strategie gestionali per la salvaguardia della pseudomacchia. L’approccio utilizzato prevede il ricorso ad analisi in ambiente GIS per individuare i punti di campionamento in cui effettuare i rilievi di campo (parametri dendrometrici e strutturali) e successivamente per il calcolo di landscape metrics, finalizzate alla caratterizzazione della struttura del paesaggio. Attraverso l’analisi delle componenti principali si sono individuate le caratteristiche strutturali dei popolamenti in cui la pseudomacchia evidenzia un migliore status di conservazione. Lo studio condotto ha evidenziato in particolare l’importanza della dimensione della patch e della distanza con altre patches appartenenti alla medesima classe. Identificate quindi le criticità, è stato possibile delineare indicazioni gestionali e definire priorità di intervento.

Analisi delle relazioni tra struttura forestale e del paesaggio per la conservazione della pseudomacchia del PR dei Colli Euganei (PD)

GARBARINO, MATTEO;MARZANO, RAFFAELLA
2011

Abstract

La pseudomacchia mediterranea è una formazione termoxerofila, la cui composizione specifica, pur con un generale impoverimento degli elementi stenomediterranei, ricorda la macchia mediterranea. Probabile relitto di un paleo clima precedente le glaciazioni e isolata da zone tipicamente mediterranee, deve la sua attuale presenza a particolare condizioni microclimatiche favorevoli. All’interno del Parco Regionale dei Colli Euganei, la pseudomacchia occupa una superficie di circa 113 ha, corrispondente al 2,14% della superficie boscata. Per la sua particolarità di formazione extrazonale, assume un particolare significato naturalistico e biogeografico. Obiettivo principale del lavoro è individuare eventuali relazioni tra la struttura a livello di popolamento e quella a livello di paesaggio allo scopo di definire opportune strategie gestionali per la salvaguardia della pseudomacchia. L’approccio utilizzato prevede il ricorso ad analisi in ambiente GIS per individuare i punti di campionamento in cui effettuare i rilievi di campo (parametri dendrometrici e strutturali) e successivamente per il calcolo di landscape metrics, finalizzate alla caratterizzazione della struttura del paesaggio. Attraverso l’analisi delle componenti principali si sono individuate le caratteristiche strutturali dei popolamenti in cui la pseudomacchia evidenzia un migliore status di conservazione. Lo studio condotto ha evidenziato in particolare l’importanza della dimensione della patch e della distanza con altre patches appartenenti alla medesima classe. Identificate quindi le criticità, è stato possibile delineare indicazioni gestionali e definire priorità di intervento.
15° Conferenza nazionale ASITA 2011
Reggia di Colorno
15 – 18 novembre 2011
Atti della 15° Conferenza nazionale ASITA
Federazione italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali
1419
1425
9788890313264
biodiversità; ecologia del paesaggio; conservazione; gestione forestale
E. Lingua; C.J. Zeffiro; M. Garbarino; R. Marzano
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/140383
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact