Il paper si concentra sul lavoro caratterizzato dall'uso intensivo di tecnologie digitali e da un accentuato disembedding spazio-temporale dall’organizzazione formale per cui è prestato. Il cosiddetto smartworking, che è tradotto in italiano come “Lavoro agile” (perlomeno nell’ambito del rapporto di lavoro subordinato) è oggi presentato come nuova frontiera del lavoro organizzato, sia da chi tale cambiamento lo auspica in maniera entusiastica, sia da chi invece vede perlopiù conseguenze nefaste. Di fronte a una ennesima sfida tra “integrati” e “apocalittici”, una prospettiva critica e analitica deve essere in grado, prima ancora che proporre previsioni, di mettere a tema correttamente alcune questioni cruciali. Principali argomenti di riflessione accurata, benché non esaustivi, ci paiono essere: - l’autonomia organizzativa, la discrezionalità e il controllo nella regolazione del lavoro; - la (ri)costruzione del collettivo di lavoro e l’identità collettiva e professionale; - la configurazione quali-quantitativa dell’occupazione e la produttività individuale e aziendale; - la conciliazione tra vita lavorativa ed extra-lavorativa. Dopo un’analisi della diffusione del fenomeno a livello internazionale e nazionale, il paper passa ad affrontare tali questioni attraverso una meta-analisi delle ricerche qualitative e quantitative sullo smartworking e alcuni fenomeni collegati (come il coworking). Ne emerge un quadro di potenzialità ma anche di rischi per lo sviluppo di nuove competenze e la loro circolazione, di buone pratiche organizzative e produttività, di reti organizzative innovative e per la conciliazione tra tempo di lavoro e tempo di riposo.

DigitAgile: l’ufficio nel dispositivo mobile. Opportunità e rischi per lavoratori e aziende

ALBANO, Roberto;BERTOLINI, Sonia;CURZI, YLENIA;PARISI, TANIA
2017

Abstract

Il paper si concentra sul lavoro caratterizzato dall'uso intensivo di tecnologie digitali e da un accentuato disembedding spazio-temporale dall’organizzazione formale per cui è prestato. Il cosiddetto smartworking, che è tradotto in italiano come “Lavoro agile” (perlomeno nell’ambito del rapporto di lavoro subordinato) è oggi presentato come nuova frontiera del lavoro organizzato, sia da chi tale cambiamento lo auspica in maniera entusiastica, sia da chi invece vede perlopiù conseguenze nefaste. Di fronte a una ennesima sfida tra “integrati” e “apocalittici”, una prospettiva critica e analitica deve essere in grado, prima ancora che proporre previsioni, di mettere a tema correttamente alcune questioni cruciali. Principali argomenti di riflessione accurata, benché non esaustivi, ci paiono essere: - l’autonomia organizzativa, la discrezionalità e il controllo nella regolazione del lavoro; - la (ri)costruzione del collettivo di lavoro e l’identità collettiva e professionale; - la configurazione quali-quantitativa dell’occupazione e la produttività individuale e aziendale; - la conciliazione tra vita lavorativa ed extra-lavorativa. Dopo un’analisi della diffusione del fenomeno a livello internazionale e nazionale, il paper passa ad affrontare tali questioni attraverso una meta-analisi delle ricerche qualitative e quantitative sullo smartworking e alcuni fenomeni collegati (come il coworking). Ne emerge un quadro di potenzialità ma anche di rischi per lo sviluppo di nuove competenze e la loro circolazione, di buone pratiche organizzative e produttività, di reti organizzative innovative e per la conciliazione tra tempo di lavoro e tempo di riposo.
Osservatorio MU.S.I.C. Working Paper Series
3-2017
1
51
smart working , lavoro agile, autonomia organizzativa, coworking, identità professionale, conciliazione lavoro-famiglia
Albano, R.; Bertolini, S.; Curzi, Y.; Fabbri, T.; Parisi, T.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
WP3_2017.Digitagile. L'ufficio nel dispositivo mobile.pdf

Accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 533.63 kB
Formato Adobe PDF
533.63 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1641724
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact