L’emergenza sanitaria non deve comportare un arroccamento nazionalista, essere l’occasione, una volta di più, per discriminare nella tutela dei diritti umani, rendendo mera retorica i diritti universali o tramutandoli in privilegi del cittadino, veicolando l’idea che alcuni siano “più meritevoli”, “più umani”, di altri. 1. Ritorna la chiusura dei porti: il decreto interministeriale n. 150 del 7 aprile 2020; 2. La chiusura dei porti viola diritti fondamentali; 3. Dei limiti dello stato di emergenza sanitaria

Lo stato di emergenza sanitaria e la chiusura dei porti: sommersi e salvati

A. Algostino
2020-01-01

Abstract

L’emergenza sanitaria non deve comportare un arroccamento nazionalista, essere l’occasione, una volta di più, per discriminare nella tutela dei diritti umani, rendendo mera retorica i diritti universali o tramutandoli in privilegi del cittadino, veicolando l’idea che alcuni siano “più meritevoli”, “più umani”, di altri. 1. Ritorna la chiusura dei porti: il decreto interministeriale n. 150 del 7 aprile 2020; 2. La chiusura dei porti viola diritti fondamentali; 3. Dei limiti dello stato di emergenza sanitaria
1
13
http://www.questionegiustizia.it/articolo/lo-stato-di-emergenza-sanitaria-e-la-chiusura-dei-porti-sommersi-e-salvati_21-04-2020.php
Immigrazione, chiusura dei porti, diritti fondamentali, stato di emergenza
A. Algostino
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Emergenza sanitaria e chiusura dei porti - Quest Giust-2020-04-21-Diritti senza confini.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 363.38 kB
Formato Adobe PDF
363.38 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1736959
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact