Farmacisti: una popolazione particolarmente esposta?